"Vivere in India con 5 euro al giorno è possibile?", la sfida del viaggiatore italiano

Luca Carfora, un viaggiatore italiano, ha pubblicato sui social un video in cui mostra se è possibile vivere in India con 5 euro al giorno.

L'India, un Paese di contrasti affascinanti, si presenta al mondo come una nazione in rapido sviluppo, dove la modernità si intreccia con una storia millenaria.Questo Paese, caratterizzato da una diversità culturale, linguistica e geografica sorprendente, attira l'attenzione non solo per il suo ricco patrimonio artistico e culturale, ma anche per un aspetto pratico e quotidiano: il costo della vita.

Nel confronto con l'Italia, l'India, infatti, è caratterizzata da un costo della vita più economico.Questa differenza si manifesta in vari aspetti della vita quotidiana, dalla spesa all'affitto, passando per i servizi e il tempo libero.

Tuttavia, la varietà di prezzi e stili di vita che l'India offre è tanto ampia quanto il paese stesso: dalle metropoli pulsanti come Mumbai e Delhi, dove i grattacieli si ergono accanto a vivaci mercati di strada, alle tranquille campagne, dove la vita scorre a un ritmo più lento e tradizionale.

Tutto ciò, per chi arriva in India dall'Italia, questo può tradursi in una maggiore capacità di godere di servizi e attività a prezzi più contenuti, pur avendo la possibilità di vivere un'esperienza ricca e piena, imbevuta di una cultura unica e affascinante.Sembra essere questo il caso di Luca Carfora, un viaggiatore italiano che ha girato l'India in lungo e in largo.

"Vivere in India con 5 euro al giorno è possibile?", la sfida del viaggiatore italiano
Il Taj Mahal è un mausoleo costruito nel lontano 1632

Vivere in India con 5 euro al giorno è possibile?

"Il mio budget è 5 euro al giorno, secondo te faccio la vita del re o muoio di fame?", è questa la domanda che Luca Carfora pone ai follower che lo seguono sui social.

Quindi, il viaggiatore mostra la sua giornata tipo in India.Per prima cosa, Luca si fa benedire da un indiano che che gli incide sulla fronte dei messaggi tipici induista.A quanto parre questa benedizione è stata gratuita.Per colazione, Luca opta per dello street food locale.Il pani puri, pane fritto ripieno di acqua aromatizzata, che sceglie costa 0,80 centesimi. Poi, il viaggiatore va a visitare l'attrazione turistica più famosa dell'India: il Taj Mahal. Il biglietto d'ingresso costa ben 12 euro.Insomma, già ha sforato il budget.

Per pranzo, a soli 1,20 euro, Luca prende un piatto di kofta, una sorta di polpette speziate.

Poi, per tornare in centro, Luca e l'amico prendono un tuk tuk, un pittoresco taxi a due ruote tipico del Sud est asiatico.Il prezzo?0,80 centesimi in due.Dopo una camminata per il centro, Luca si ferma a cenare in un ristorantino e spende 1,20 euro per un piatto di riso al curry. Quindi, Luca è andato alla stazione dei pullman per prendere il bus notturno a un prezzo di 6 euro per 12 ore di viaggio.In totale, il viaggiatore ha speso 20,80 euro per una giornata in India.
"A volte capitano anche giorni in cui sforo il budget quindi poi nei giorni a seguire mi tocca stare più attento e spendere meno", ha spiegato Luca ai suoi follower.In ogni caso, per gli standard italiani risulta essere un prezzo decisamente basso.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Luca Carfora (@lucafreetravel)

LEGGI ANCHE: Chiara Ferragni, soggiorno extralusso in India: cosa c'è nella sua vasca da bagno

Lascia un commento