Benedetta Parodi, come unire banana e nutella: merenda pronta in 5 minuti

Banana e nutella: la merenda sprint by Benedetta Parodi.

Benedetta Parodi, @ziabene per i suoi followers Instagram, considera banana e nutella un match perfetto per realizzare in velocità una golosa merenda; servono, infatti, pochi ingredienti: 2 banane, pasta sfoglia, nutella, zucchero, burro, semi di sesamo.

Rotolini di banana, nutella e pasta sfoglia: ecco come procedere.Spalmiamo di nutella la metà di una pasta sfoglia rotonda, dopodiché la arrotoliamo intorno ad una banana sbucciata, cospargiamo di zucchero a velo e tagliamo a rondelle; sistemiamole su carta forno stesa in teglia, spennelliamole di burro fuso e cospargiamole coi semini di sesamo.

Una breve cottura, sforniamo e completiamo con una spolverata di zucchero a velo: uno sfizioso dolcetto, croccante fuori e morbido dentro è servito!

banananutella
Banana e nutella: merenda sprint di Benedetta Parodi @ziabene

Le virtù della banana: vitamine, minerali e fibre

Sulle attrattive della nutella quasi tutto il mondo è d'accordo, vediamo per bene le qualità della banana, uno degli alimenti più sostanziosi, prediletti dagli sportivi.Una banana da 100 g (buccia esclusa) conta 65 calorie ripartite per l'89% in carboidrati, 7% proteine e 4% lipidi.

Reperibile tutto l'anno, essa è una buona fonte di vitamine, minerali (in particolare potassio), fibre e fitosteroli ed ha un basso indice glicemico.Ciò si traduce in vantaggi per il sistema cardiovascolare, per la digestione e, come sopra anticipato, per dare energia a chi pratica sport di resistenza.

La banana è uno dei frutti più comodi da portar in giro e mangiare: è sigillata naturalmente, non sporca, nutre e sazia.Davvero una merenda perfetta da portare a scuola o in palestra!Da dove arriva?

Presumibilmente dall'Asia, precisamente dalla Nuova Guinea;  Alessandro Magno la scoprì nelle valli dell'India, prima di lui, sono state rilevate tracce di coltivazioni in Cina già dal 200 d.C.e il suo arrivo in Africa e poi in Occidente si deve essenzialmente ai mercanti arabi; il suo nome, infatti, deriva dall'arabo e significa “dito”.I coloni portoghesi nel Cinquecento iniziarono a creare le prime piantagioni nei Caraibi e in America centrale.

Gialla, dolce: la banana cresce raggruppata in caschi anche da oltre duecento frutti, che possono raggiungere i cinquanta chili di peso; si trova da gennaio a dicembre, ma matura generalmente in primavera/estate.

Si presta a svariate preparazioni, da addensate per le marmellate a dolci: gelati, banana bread, torte, creme, frittelle (tipicamente asiatiche) oppure fritte come snack.

LEGGI ANCHE Cheesecake nutella e cocco, la ricetta di un dolce semplicissimo da fare!

Lascia un commento