Caterina Balivo sfida la sorte: il suo look non si è mai visto in tv

Caterina Balivo è pronta per andare in scena, ma il suo look le fa correre un rischio non da poco nel mondo dell'intrattenimento.

Caterina Balivo ha del coraggio da vendere e lo ha dimostrato anche poche ore fa prima di andare in onda per la nuova puntata del suo programma La Volta Buona su Rai 1.Molto spesso qualche personaggio del mondo dello spettacolo lo ha sottolineato, come Maria De Filippi, che il colore viola porta sfortuna se indossato a teatro o in televisione.

Una superstizione che è stata per molto tempo presa sul serio e, ancora oggi, è seguita da molti vip.

"Qui c’è già movimento" ha scritto Caterina Balivo sui social, condividendo una foto da sola e una in compagnia di Emanuela Folliero, ospite nel suo programma di oggi.La conduttrice RAI sfoggia un look completamente viola.Abito corto, collant e décolleté in varie tonalità di viola, il colore bandito dagli studi televisivi per fuggire alla sfortuna.Che coraggio la Balivo, hanno pensato in molti commento gli scatti che potete vedere qui sotto.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Caterina Balivo (@caterinabalivo)

Caterina Balivo sfida la sorte

Il viola sicuramente va molto di moda negli ultimi anni e fa la sua figura, soprattutto se a indossarlo è una professionista carismatica e in forma come Caterina Balivo.

Tuttavia molti suoi colleghi non accetterebbero mai di correre questo rischio, come la Folliero che prova a recuperare con un outfit sobrio e total white.Servirà a scongiurare il peggio?

balivo

Non è vero ma ci credo

Caterina Balivo ha origini napoletane.Si sa che l'Italia del Sud è particolarmente attenta alle superstizioni di vario genere.Ma come nasce la sfortuna legata al viola per il mondo dello spettacolo?Una credenza molto antica, in realtà, con radici nella storia del teatro europeo.Nel 17° secolo in Francia il tessuto viola era molto costoso ed era usato per i costumi teatrali solo per le opere più prestigiose.

Pertanto, se lo spettacolo non andava bene, questa spesa poteva portare in bancarotta la compagnia e così il viola è diventato simbolo di un cattivo presagio.Si pensa anche al collegamento con la religione, inoltre, poiché il viola per la Chiesa Cattolica è sinonimo di penitenza e lutto.Durante la Quaresima infatti gli spettacoli teatrali un tempo venivano interrotti.Quindi la presenza di questo colore su un palco portava sfortuna agli artisti.Nell'epoca moderna oltre al teatro questa superstizione si è trasferita alla tv e qualcuno ancora ci fa attenzione nel dubbio di rischiare qualche intoppo.

Leggi anche: Caterina Balivo al mare in autunno

Lascia un commento