Benedetta Rossi, finocchi super gustosi al forno: un contorno perfetto

Benedetta Rossi propone i finocchi gratinati al forno, un classico della cucina: veloce, facile, buono.

Finocchi al forno: un classico della cucina di stagione (li troviamo da novembre a maggio), proposto da Benedetta Rossi "fatto in casa per voi".Sul suo canale Instagram, la simpatica cuoca spiega come realizzare questa ricetta veloce e gustosa, che necessita solo di un paio di finocchi, 400 ml.di besciamella, circa 30 g.di formaggio grattugiato, pangrattato e sale fino quanto basta.

Pronti?Via!Tagliamo i finocchi crudi a spicchi.

Copriamo il fondo di una pirofila da forno con parte della besciamella.Adagiamo sopra gli spicchi, saliamo e ricopriamo con il resto della besciamella.Cospargiamo con generosità il formaggio grattugiato e un po’ di pangrattato, poi inforniamo a 190°C ventilati per 35-40 minuti (o statici 200°C per lo stesso tempo), fino a che non si formerà una crosticina dorata in superficie.Sforniamo, serviamo e buon appetito!La stessa preparazione si può adoperare per i cavolfiori.

finocchi
Finocchi al forno by @fattoincasadabenedetta

 

I finocchi: un ortaggio buono sia crudo che cotto, a basso contenuto calorico e ricco in vitamine

I finocchi al forno sono un ottimo contorno, ingolosito dalla besciamella e dalla gratinatura; sono, peraltro, gustosi anche da crudi, croccanti e profumati, o lessati, cottura che esalta la loro vena dolce.

Più precisamente, si distinguono - non scientificamente, ma per il loro uso - un finocchio maschio - rotondeggiante, poco filamentoso, adatto al consumo crudo, in insalata o pinzimonio - e un finocchio femmina, più piccolo, schiacciato e allungato, preferito per le cotture.

Sotto il profilo nutrizionale, 100 g.di finocchio apportano circa 31 calorie: 43% carboidrati, 1% lipidi, 56% proteine.Un etto contiene circa il 90% di acqua, 1,24 g.di proteine, 0,20 g.di lipidi e 7,30 g.di carboidrati.Il finocchio è fonte di flavonoidi e contiene numerosi oli essenziali, responsabili del caratteristico sapore simile a quello dell’anice.

I benefici derivano soprattutto dalle sue vitamine e minerali e da un basso contenuto calorico.Nello specifico, le vitamine del gruppo B aiutano il metabolismo, il selenio, la vitamina C e la vitamina A potenziano le difese antiossidanti.

Il nome latino foeniculum deriva da foenum (fieno), per la somiglianza tra le foglie del finocchio selvatico e, appunto, del fieno.Questa pianta ha una storia che si perde nella notte dei tempi, associata al mito di Prometeo, utilizzata dagli assiro-babilonesi contro il mal di stomaco, prescritta da Ippocrate nel trattamento delle coliche infantili, come oggi, peraltro.

Un ortaggio da portare più spesso sulle nostre tavole.

LEGGI ANCHE Benedetta Rossi, finocchi a cena come contorno: ti servirà solo una teglia

Lascia un commento