Massimo Troisi è tornato a Napoli, ecco dove lo rincontreremo

Massimo Troisi non se n'è mai veramente andato, ma rivive continuamente.Questa volta tra le assi del Teatro Trianon Viviani a Napoli

Quando sei Massimo Troisi non te ne vai mai dal mondo, ma decidi di restare nel modo più permanente che esista: nelle idee.L'attore napoletano rivivrà sul palco del Teatro Trianon Viviani di Napoli con uno spettacolo scritto da Stefano Veneruso, il nipote.Troisi poeta Massimo, questo il titolo dello spettacolo di Veneruso che racconta una versione di Massimo intima e innovativa.

Uno spettacolo d'amore che si addice perfettamente alla figura di Massimo Troisi che all'amore ha dedicato il suo pensiero cinematografico.Lo spettacolo è un percorso nella vita artistica dell'artista da una prospettiva più che originale, reale.Il nipote Stefano Veneruso scrittore dello spettacolo e del libro il mio verbo preferito è evitare, Massimo lo ha conosciuto in modo intenso e autentico.Immagini e parole prese dai ricordi e dagli archivi di famiglia che presentano una sfaccettatura di Troisi che abbiamo solo immaginato.
Lo spettacolo prevede due appuntamenti il 4 novembre alle ore 21:00 e il 5 novembre alle 17:00

massimo-troisi-napoli-1

Massimo Troisi torna a Napoli, ecco dei dettagli sullo spettacolo

Di omaggi per ricordare il genio di Massimo Troisi ce ne sono tanti lo stesso spettacolo di Stefano Veneruso debuttò al Giffoni nel 2012 con Giancarlo Giannini. Adesso ritorna al Trianon Viviani di Napoli.Stefano Veneruso che ha curato nei minimi dettagli lo spettacolo è anche autore di un libro sul famoso zio.Il mio verbo preferito è evitare sarà oggetto della presentazione di domenica sempre presso il teatro Trianon Viviani di Napoli.

Il libro edito da Rizzoli ha la medesima missione dello spettacolo: raccontare un inedito Massimo Troisi e fornire al pubblico sempre più spunti per conoscere un'artista immortale.Perché alla fine Troisi con le sue storie, la sua mimica e le sue idee - che spesso hanno anticipato i tempi- non se n'è mai andato.Omaggiare Massimo Troisi non vuol dire omaggiare Napoli come molti pensano, vuol dire omaggiare un artista che non ha mai avuto paura di essere diverso e di distinguersi per mentalità dagli altri.
Abbiamo riso tutti ma la magia che si racchiude dietro la sua genialità non è soltanto il sorriso.C'è di più nella sua poetica, c'è una riflessione costante sull'esistenza umana. C'è una sentimentale razionalità nell'opera di Massimo Troisi che piano piano, a suon di battute, spiazza e invita a riflettere. La sua genialità è qualcosa che c'è e si palesa agli occhi di tutti, ma non si riesce ad afferrare.È questo il motivo del suo tornare e il motivo per cui noi proprio non riusciamo a dimenticarlo.

LEGGI ANCHE Mare Fuori-Il musical, Maria Esposito dietro le quinte: come si prepara allo show>>>

Lascia un commento